Qualità dell’aria? Con SenseSquare un monitoraggio ad alta risoluzione spazio-temporale

L’aria che respiriamo non è più la stessa. Ce ne accorgiamo quando attraversiamo una strada molto trafficata, quando ci spostiamo a piedi per raggiungere il luogo di lavoro o semplicemente mentre corriamo al parco. Viviamo in città, abitiamo in metropoli con un forte inquinamento atmosferico, ignari di sapere ciò che inaliamo quotidianamente ogni qualvolta facciamo un respiro profondo. Negli ultimi decenni è infatti aumentato notevolmente il livello di ‘polveri sottili’ diffuse nell’aria, che arrecano danni diretti alla salute.

Per valutare la loro presenza nell’atmosfera SenseSquare, giovane start-up con sede a Salerno, ora strutturata come Srls, ha realizzato un sistema innovativo di monitoraggio della qualità dell’aria ad elevata risoluzione spaziale e temporale.

L’ARPA (agenzia regionale per la protezione ambientale) è oggi la principale istituzione preposta all’attuazione della direttiva 2008/50/CE recepita con il decreto legislativo 155/2010 in materia di monitoraggio ambientale.  Tuttavia lo sviluppo di reti di monitoraggio della qualità dell’aria risulta ostacolato da diversi fattori: gli ingenti costi per ciascun nodo (stazione di monitoraggio); le notevoli dimensioni dei nodi che ne rendono praticamente impossibile l’installazione in luoghi particolarmente critici (come i centri urbani densamente popolati) e la rilevazione su un ampio territorio che non riesce a raccogliere i dati dell’inquinamento atmosferico legato a una singola e ristretta zona.

Il sistema sviluppato da SenseSquare consente invece di effettuare il monitoraggio della qualità dell’aria con una risoluzione spazio-temporale molto più elevata rispetto alle attuali tecnologie convenzionali, consentendo di rilevare i dati degli inquinanti gassosi e pulviscolari presenti sul territorio in tempo reale. Su un portale web e naturalmente attraverso l’APP dedicata è così possibile constatare subito il dato di qualità dell’aria che ci circonda.

“Stiamo realizzando la prima rete di monitoraggio dimostrativa nel Comune di Milano, dove abbiamo installato finora 6 stazioni di monitoraggio i cui dati sono disponibili 24/24h on-line (www.sensesquare.eu). Inoltre a breve partirà una campagna di crowdfunding per mappare l’inquinamento nella città”, ci racconta Aristide Giuliano, ingegnere chimico e direttore commerciale della società.

Pur essendo nata nel febbraio del 2016, SenseSquare ha già ottenuto diversi riconoscimenti. Per l’idea innovativa, ha vinto il concorso Power2Innovate promosso da The European House-Ambrosetti nel dicembre 2015 e nel febbraio scorso la seconda edizione di Assiteca Crowd Startup Showcase. Ha poi avuto modo di esporre alla fiera SMAU di Milano e ha ora in cantiere un progetto finanziato da fondi europei per sensibilizzare i giovani alla tematica ambientale. Tale progetto,  destinato ai giovani di età compresa tra i 13 e i 19 anni, propone l’installazione di una stazione di monitoraggio della qualità dell’aria all’esterno della scuola (ad es. su un balcone). In tal modo gli studenti, i professori e tutti coloro che lavorano nella scuola, potranno verificare ogni giorno, in tempo reale e h 24, i livelli di presenza di fattori inquinanti nell’aria che respirano.

Fonte: FarodiRoma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *